Questa è proprio una torta buonerrima, ma è davvero cence nuje, senza niente, con quattro ingredienti in croce, però tutti di qualità. E poi… cosa dico semplice? Semplicisssssima! E tra i vari senza (senza latte, senza burro, senza uova…) è pure senza zucchero! Eh, sì. Perché a dolcificarla c’è una purea di mele buonissima, dell’Achillea, che ho trovato da NaturaSì (ma che potete anche preparare a casa frullando svariate polpe di mela).  Pronti, che la facciamo in 5 minuti.LEGGI TUTTO

Questa è la pasta più facile del mondo. È piena di proteine vegetali, perché è pasta di lenticchie, ed è a base dello spettacolare kale, il cavolo nero che io tanto amo per la sua versatilità e il sapore inconfondibile – oltre che per le ottime proprietà nutrizionali. Per 2 persone pasta (quanta ne volete) (e se volete di lenticchie benissimo) un mazzetto di cavolo nero (almeno 10-12 foglie) cipolla o porro per soffrittino sale un cucchiaio di salsa tahin un cucchiaio di salsa di soia olio evo un cucchiaio di olio di lino una spolverata di curcuma e pepe Mettete a bollire l’acqua conLEGGI TUTTO

Una crema morbidissima, grazie alle sole “tegoline”, come qui in Furlandia chiamiamo i fagiolini. E’ la ricetta più semplice del mondo e sentirete che bontà: perché più la facciamo semplice, più tutto è buono e genuino. Anche perché è tutto cotto a vapore e poi frullato, con aggiunta di un goccio di olio di lino da frigo, pieno di omega 3 e 6, e con tutte le spettacolari proprietà nutrizionali della salvia. Per una bella pentolona 300 g circa di tegoline svariate rondelle di porro o cipolla qualche foglia di salvia olio evo, sale, pepe per decorare: una foglia di salvia e olio di linoLEGGI TUTTO

Questo piatto è merito di Simone, che l’ha preparato così al volo in una di queste calde, calde serate. L’unica cosa che dovete cuocere sono le melanzane. Per il resto è tutto freschissimo. Io mi prendo il merito di aver comprato le mozzarelline mignon di latte di capra al negozio biologico: sono buo-nis-si-me! Si possono però usare ovviamente anche altri formaggi freschi, oppure formaggi vegani per trasformare questo piatto in un antipasto interamente vegetale. Per comporre il piatto vi farà comodo aiutarvi con un coppapasta rotondo e piuttosto alto. Procedete così (dosi per due, poi moltiplicate voi): 2/3 fogli di pane carasau (noi abbiamo sceltoLEGGI TUTTO

L’altro giorno abbiamo comprato la pasta fresca indovinate dove? Da “La Pasta Fresca” di Fagagna! Si chiama proprio così (e non potete sbagliare) questo delizioso negozietto vicino alla piazza del mio paesello, dove i proprietari preparano ogni leccornia pastesca dei vostri desideri, dalle tagliatelle ai tortelli alla pasta per le lasagne agli gnocchi e hanno anche una selezione di prodotti speciali e biologici di alta qualità. Insomma, se passate per Fagagna, una tappa è d’obbligo. Noi abbiamo scelto le tagliatelle integrali, che si sono rivelate una delizia piena di sapore. A loro abbiamo abbinato un sughetto di peperoni verdi, zafferano e origano fresco, a cuiLEGGI TUTTO

  Questo è un piatto semplice, buonissimo, interamente vegetale, senza farinacei, senza glutine e insomma che volete di meno – e dunque di più? 🙂 Per 3 persone 15 friggitelli (se ne volete 5 a testa, ma potete anche farne di più) 250 g di ceci lessati bio 250 g circa di datterini, meglio ancora se di colori diversi qualche rotella di porro o cipolla curry, pepe, sale, olio evo basilico due cucchiai di concentrato di pomodoro qualche manciata di pistacchi triturati per decorare (facoltativo) Lavate bene i friggitelli e i datterini e risciacquate i ceci se li avete presi in lattina (oppure metteteli inLEGGI TUTTO

Un sacco pieno di peperoni verdi di Favolorto va santificato, anche quando non si ha tanto tempo per cucinare. Ecco allora che scatta una pasta saporitissima e, beh, proprio verde verde! Eccoci pronti con le dosi per due persone: 200g di pasta o quanta ne volete (per noi penne) 2 peperoni medio-piccoli 4-5 friggitelli 1 zucchina (questa rende un po’ più cremosa la salsa) qualche rondella di porro o cipolla, tritati una spolverata di curcuma, curry e pepe origano fresco, una manciata di foglioline, per decorare sale e olio d’oliva qb Mettete a bollire la pentola dell’acqua con il sale grosso. Intanto tritate il porroLEGGI TUTTO

Erano aaaanni che volevo fare il babaganoush, la crema di melanzane e menta che profuma di fresco e di mediterraneo ed è irresistibile da spalmare su verdure, su pane o crostini. Insomma… bastava farlo, no? 🙂 Eccovi la nostra versione! È davvero facilissima, oltre che vegana e senza glutine, se vogliamo proprio guardare tutto, e la cosa più lunga che vi tocca è aspettare la cottura delle melanzane al vapore (circa 40 minuti) e il raffreddamento successivo. Poi è questione di un minuto davvero. Per un aperitivo per 4 persone (che noi, ehm, abbiamo sbafato in due…) circa 750 g di melanzane 50 g circa diLEGGI TUTTO

Anche se è estate, in questi giorni qui in Furlandia è un po’ freschetto. E se la cottura consigliata per le lenticchie le rende una poltiglia, be’, è l’occasione giusta per trasformare il contorno in una cremosa e densissima vellutata! 😉 Questo piatto è naturalmente: vegano senza glutine senza farinacei pieno di proteine vegetali Eccovi la ricettina volante per 500 g di lenticchie (vi vengono sicuramente 5-6 porzioni di crema di lenticchie) 500 g lenticchie un rettangolino di alga kombu trito di porro/cipolla sale, pepe, olio evo trito di erbe aromatiche: io avevo menta, basilico (+ basilico greco), rosmarino, timo, salvia curry (opzionale ma consigliato)LEGGI TUTTO

Eccovi un’idea gustosa per una pasta integrale che possiamo serenamente definire greca: con pomodori, olive e feta, ovviamente. E l’immancabile cipolla! Facilissima da preparare, dà tanta tanta soddisfazione! Per 3 persone: pasta integrale… quanta ne volete (circa 280 g) 250 g di polpa di pomodoro 150/200 g di pomodorini datterini o ciliegini mezza cipolla o cipollotto qualche cucchiaiata di olive nere denocciolate erbe aromatiche varie: io menta, timo e origano sale, pepe, olio evo 1 confezione di formaggio feta Mettete a bollire l’acqua per la pasta con una manciata di sale grosso. Intanto sminuzzate la cipolla e scaldate un po’ d’olio in una padella daLEGGI TUTTO

L’unico zucchero che non fa male è quello che non si mangia, dicono medici e nutrizionisti. Quindi meno ne mangiamo, meglio è. Per questo, è sempre bene sfruttare la frutta (scusate il bisticcio lessicale), che ci dà il sapore dolce in tutta la sua naturalità. Ho voluto fare un esperimento e non solo è riuscito: è venuto una figata! Perciò condivido con voi la mia ricettina per una torta da colazione speciale, che non ha un filo di zucchero raffinato ma utilizza solo quello proprio della frutta: mele e datteri. Dei datteri, il sapore non si sente affatto, ve lo assicuro. Quindi anche se nonLEGGI TUTTO

Quando sei senza pane ma hai voglia di pane però non hai tempo: è la volta delle piadine. In questo caso, con semola di grano duro e profumo di rosmarino. Vi scrivo rapidamente le istruzioni per soddisfare questa voglia in una mezzoretta. Ah, ovviamente le mie piadine non si fanno con lo strutto, ma con del buon olio extravergine d’oliva. Per 4 piadine di circa 15-18 cm di diametro: 200 g di semola di grano duro 3 cucchiai d’olio evo 3-4 g di sale acqua tiepida qb (circa 140 g) una manciata di rosmarino sminuzzato Mettete in una terrina la semola, il sale, il rosmarinoLEGGI TUTTO

Questo è un pane in cassetta molto soffice, in cui ho usato anche una farina ai cereali del Forno Arcano, una casetta in mezzo al verde a Rive d’Arcano dove comprare ottimo pane oppure le loro farine speciali e bio. Risulterà un pane semintegrale e ricco di cereali. 250 g farina tipo 1 50 g farina o “manitoba” 200 g farina multicereali lievito: usate il lievito di pasta madre secco che preferite,secondo le quantità indicate nella vostra confezione, in rapporto alla farina. Io questa volta ho usato 1 bustina di quello madre essiccato che trovate qui. 30 g d’olio 300 g d’acqua circa 10 gLEGGI TUTTO

Questo è uno dei miei hummi (plurale di hummus) preferiti, perché secondo me l’abbinamento ceci e pomodorini secchi è uno dei più riusciti in natura. Facilissimo da fare, vegan e pure naturalmente gluten free, si può fare in tipo 1 minuto con un buon frullatore. Sarà il vostro aperitivo di fiducia, da preparare in ogni stagione e anche all’ultimo momento, ricchissimo di sapore e proteine vegetali buone buone. Per farne una bella scodellona (vi basta e vi avanza per 10 persone): circa 250 g di ceci lessati (in pratica una lattina se usate quelli già pronti: ce n’è di bio buonissimi anche al supermercato) unaLEGGI TUTTO

Questa ricetta è velocissima ed è un perfetto apertivo da preparare anche all’ultimo momento. Basta avere in frigo una confezione di pasta sfoglia (vegan, se volete), meglio se rotonda. Ecco come preparare 12 piccoli croissant. 1 confezione di pasta sfoglia rotonda (se volete vegan) 150/200 g di polpa di pomodoro 3 cucchiaiate di olive taggiasche denocciolate sale, pepe, origano, rosmarino tritato, maggiorana, timo olio evo 2 cucchiai Accendete il forno a 180°. Aprite la confezione di sfoglia e stendetela sul piano di lavoro. Tagliatela a croce e poi ogni quadrante in tre triangoli. In una tazzona versate il resto degli ingredienti e mescolateli per bene.LEGGI TUTTO

Che furlana sarei se non facessi la polenta? Questa è una furbata, però, perché è una polenta concia e vegana: il ragù non è ovviamente a base di cicin, ma di tempeh, il mio derivato della soia preferito. È buonissssssimissssimo. Chi l’ha provato dei carnivori è stato più che soddisfatto! Per una polentina da 4 persone: 220 g di farina di mais 750 g d’acqua mezzo cucchiaio di sale grosso 1 cucchiaio d’olio d’oliva Per il ragù di tempeh vi rimando a questa mia ricetta. La polenta è facilissima, ma ha la rottura di balle della necessità di essere mescolata continuamente. Quindi o avete ilLEGGI TUTTO

Quando avete delle arance naturali e buonissime, come quelle che noi compriamo e facciamo arrivare dai nostri amici siciliani, vi conviene fare una bella scorta di scorza, così si spreca di meno e inoltre ci si garantisce una riserva annuale di polvere d’arancia utilissima per insaporire ogni tipo di cibo, salato o dolce che sia. Io ne faccio ABUSO, perché sono deliziose e devo tutto a mia suocera che mi ha insegnato il trucchetto, che ora vado a condividere con voi, nevvero. 😉 Vi conviene accumulare più arance, così ne fate un bel po’ per volta. Tipo io ho conservato in frigo 4 giorni quelleLEGGI TUTTO

Semplicissima ma sfiziosissima bontà, che sembra anche un po’ fighetta, ahah, quindi se dovete fare bella figura con niente… eccola! È poi completamente vegetale e integrale. Per 2 persone: 200 g di pasta: consiglio sempre quella integrale, qui ho scelto fettuccine 3 arance naturali piccole (o 2 grandi) – succo e buccia (io ho ancora quelle sicule spettacolari ordinate ai miei amici di Arance Mammana) un cubettino di circa 2 cm di lato di zenzero fresco 3 cucchiai di salsa di soia sale, pepe semi di sesamo opzionale, per decorare: scorzette d’arancia essiccate, curry Mettete a bollire l’acqua salata per la pasta. Quindi preparate ilLEGGI TUTTO

  Ebbene sì, agg’ fatt’ o fudge! Erano aaaanni che cercavo un modo per produrre una scioglievolezza cioccolatosa, a metà tra un dolce al cucchiaio e un cioccolatino. Finché mi sono finalmente imbattuta in questa ricetta meravigliosa e semplicissima di Bakerita, che riesce subito ed è una favola da assaporare (leggi “divorare”). Potete prepararne un unico blocco che, una volta solidificato andrete semplicemente a tagliare a quadrotti (o la forma che preferite) oppure potete già preparare delle formine. Io l’ho fatto in entrambi i modi. Facendolo monoporzione ho usato lo stampo da 12 muffin al cui interno ho infilato i pirottini da muffin. Vanno riempitiLEGGI TUTTO

Questo bel panozzo accompagnerà pranzi, cene o spuntini. E pure colazioni. È molto versatile, saporito e con una buona percentuale di farina integrale, che è sempre da preferire. 300 g farina integrale 200 g farina 1 9 g lievito di birra secco 1 cucchiaino di malto d’orzo in polvere 25 g di olio d’oliva circa 300 g d’acqua tiepida 10 g di sale farina di mais (solo per spolverarlo prima di metterlo in forno) Nell’impastatrice o in una terrina mescolate bene le due farine con il lievito secco e con il malto d’orzo. Quindi aggiungete l’olio e cominciate a impastare, a mano o con l’impastatrice,LEGGI TUTTO