20170916_2123011361565231.jpgVi svelo un segreto: la vanillina è il male per i dolci! Insomma, vi rovina tutta la naturalezza delle vostre preparazioni. E le fialette pure, sono sempre eccessive e finte.

La bacca è una manna, ma costa come “laggiòga” e vi dura… quanto vi dura? Ecco, già finita! :'(

Ma allora perché non vi preparate il vostro estratto di vaniglia personale, che è una cacchiata furibonda da fare e vi viene una cosa superbuonissima e avvolgente?

Si fa subito, però dovete attendere almeno 1 mese perché sia pronto. Quindi vi consiglio di mettervi all’opera subito, così ce l’avete pronto per il primo utilizzo la vigilia di Natale. Non è meraviglioso? 😉

Pronti, che è di una facilità quasi drammatica.

  • Procuratevi un contenitore capiente con coperchio o una bottiglia di vetro da 1 litro (con il suo tappo).

Poi vi servono:

  • 70 cl di vodka
  • 25 cl di rum

(in pratica 2/3 di vodka e 1/3 di rum)

  • 6/8 bacche di vaniglia

Mescolate i liquori direttamente nel nuovo contenitore, quindi incidente per tutta la lunghezza le bacche di vaniglia. Inseritele nel liquore facendo attenzione che risultino sempre completamente ricoperte. Chiudete il tappo. Conservate in un luogo abbastanza buio e non troppo caldo. Ricordatevi ogni tanto di shakerare, ma con estrema delicatezza, rovesciando un paio di volte il contenitore ben tappato come per mescolare tutto.

Stop. Basta. Finito.

Poi dovete solo attendere: un mese è il minimo, quindi potete cominciare a usarlo, un cucchiaino alla volta, nelle vostre preparazioni dolci. Sentirete che meraviglia!

Ovviamente imbrunisce nell’attesa, quindi non spaventatevi se dopo qualche giorno lo trovate color ambra e poi sempre più intenso. Così è, ed è bene!

Siccome è proprio il vostro, vi consiglio di prendervi dei discreti ingredienti. La vodka in maggiore quantità è perché è praticamente insapore, ma se volete alterare le proporzioni a vostro piacimento, fate pure. Ché tanto non vengo mica a controllarvi, eh? 😀

Ci sentiamo il 24 dicembre e mi direte com’è… :*

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.