Volete preparare le lenticchie perfette, ovviamente cencecicin, e con quel sapor un po’ orientale? Sono il secondo che ogni erbivoro sogna e fanno gola pure al non-erbivoro. A cui, sì, l’erbivoro può concedere una cucchiaiata nella sua immensa magnanimità. 🙂 Eccoci, allora.

Vi servono:

  • 500 g di lenticchie
  • un pezzo da circa 5 cm di alga kombu
  • rosmarino, salvia e se volete timo
  • sale, pepe, olio evo
  • qualche rotella di porro
  • un pezzetto di zenzero da 2-3 cm
  • curcuma, curry
  • qualche cucchiaio di salsa di soya
  • facoltativo: scorzette d’arancia o limone grattugiate

Sminuzzate il porro, quindi pelate e grattugiate lo zenzero.

Scaldate un po’ d’olio in una pentola ampia o una bella padellona tipo wok. Quando l’olio è caldo tuffateci zenzero e porro e intanto risciacquate le lenticchie sotto acqua corrente. Scolatele e rovesciatele nella padella e rosolatele per qualche minuto, a fuoco medio basso.

Quindi ricopritele d’acqua per il doppio del volume e alzate la fiamma. Quando l’acqua comincia a bollire, abbassate al minimo e lasciate assorbire, ma nel frattempo tuffateci dentro il rosmarino a foglie intere o triturato, le foglie di salvia (il timo) e l’alga kombu.

lenticchie cencecicin

Quando l’acqua sarà quasi assorbita, aggiungete 4-5 cucchiai di salsa di soia e fate andare ancora un minutino. Quindi spegnete e aggiungete sale solo se serve (assaggiate!), pepe, curcuma e curry. Se volete, vi consiglio le scorzette di agrumi, che profumano moltissimo il piatto.

Ecco, queste sono le lenticchie cencecicin e vi assicuro che piacciono proprio a tutti, anche a quelli che di solito vi dicono «A me le lenticchie non piacciono». Insistete finché provano queste e fategli cambiare idea. 😉

Suggerimento: un bel piatto caldo-freddo pieno di proteine è un bell’hummus di ceci, per esempio con la ricettina che trovate qui, con sopra queste lenticchie belle calde. Spettacolo.

***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.