vegan

L’altro giorno abbiamo comprato la pasta fresca indovinate dove? Da “La Pasta Fresca” di Fagagna! Si chiama proprio così (e non potete sbagliare) questo delizioso negozietto vicino alla piazza del mio paesello, dove i proprietari preparano ogni leccornia pastesca dei vostri desideri, dalle tagliatelle ai tortelli alla pasta per le lasagne agli gnocchi e hanno anche una selezione di prodotti speciali e biologici di alta qualità. Insomma, se passate per Fagagna, una tappa è d’obbligo. Noi abbiamo scelto le tagliatelle integrali, che si sono rivelate una delizia piena di sapore. A loro abbiamo abbinato un sughetto di peperoni verdi, zafferano e origano fresco, a cuiLEGGI TUTTO

Erano aaaanni che volevo fare il babaganoush, la crema di melanzane e menta che profuma di fresco e di mediterraneo ed è irresistibile da spalmare su verdure, su pane o crostini. Insomma… bastava farlo, no? 🙂 Eccovi la nostra versione! È davvero facilissima, oltre che vegana e senza glutine, se vogliamo proprio guardare tutto, e la cosa più lunga che vi tocca è aspettare la cottura delle melanzane al vapore (circa 40 minuti) e il raffreddamento successivo. Poi è questione di un minuto davvero. Per un aperitivo per 4 persone (che noi, ehm, abbiamo sbafato in due…) circa 750 g di melanzane 50 g circa diLEGGI TUTTO

Sfogliando un numero passato della bellissima rivista Cucina Naturale, sono rimasta colpita dall’erbazzone e così ne ho fatto un in versione mia, usando le dosi uguali uguali per l’impasto, che difatti è venuto perfetto. Ne ho realizzato una versione completamente vegetale con cime di rapa e tempeh marinato, molto profumata e saporitissima. Ne mangerei di continuo! Fame anche voi? Allora seguite le istruzioni! 🙂 Per l’impasto: 300 g farina di grano duro 3 cucchiai d’olio 130 g di acqua tiepida 4-5 g di sale Per il ripieno 6-700 g di cime di rapa (foglie e parte del gambo più morbida) 75 g di tempeh curcuma,LEGGI TUTTO

Anche se è estate, in questi giorni qui in Furlandia è un po’ freschetto. E se la cottura consigliata per le lenticchie le rende una poltiglia, be’, è l’occasione giusta per trasformare il contorno in una cremosa e densissima vellutata! 😉 Questo piatto è naturalmente: vegano senza glutine senza farinacei pieno di proteine vegetali Eccovi la ricettina volante per 500 g di lenticchie (vi vengono sicuramente 5-6 porzioni di crema di lenticchie) 500 g lenticchie un rettangolino di alga kombu trito di porro/cipolla sale, pepe, olio evo trito di erbe aromatiche: io avevo menta, basilico (+ basilico greco), rosmarino, timo, salvia curry (opzionale ma consigliato)LEGGI TUTTO

Questo è uno dei miei hummi (plurale di hummus) preferiti, perché secondo me l’abbinamento ceci e pomodorini secchi è uno dei più riusciti in natura. Facilissimo da fare, vegan e pure naturalmente gluten free, si può fare in tipo 1 minuto con un buon frullatore. Sarà il vostro aperitivo di fiducia, da preparare in ogni stagione e anche all’ultimo momento, ricchissimo di sapore e proteine vegetali buone buone. Per farne una bella scodellona (vi basta e vi avanza per 10 persone): circa 250 g di ceci lessati (in pratica una lattina se usate quelli già pronti: ce n’è di bio buonissimi anche al supermercato) unaLEGGI TUTTO

Non è bellissimo? Un barbahummus, ossia un hummus di un colore meraviglioso fatto con il colorante più naturale che ci sia. Ovviamente è la barbabietola, tubero dalle molteplici proprietà benefiche, oltre che cromaticamente spettacolare. È cremoso e spalmabile sul pane, sui cracker, sui grissini… ma è buonissimo anche per farci delle palline con il fapalle del gelato, da affiancare a una crepe salata. Insomma, è un antipasto perfetto in tutte le salse, ed è vegano, senza farinacei, senza glutine, ma ricchissimo di proteine e vitamine. La magia! Per preparare questo hummus ci vuole solo un buon frullatore, perché per il resto non ci vuole niente. EccoLEGGI TUTTO

Mi è capitata sotto gli occhi questa bellissima ricetta su Stile de La Stampa e ho pensato di rifarla e personalizzarla a piacere. Ne è uscito un polpettone vegan di una bontà stupefacente e pure senza glutine, perché non ho usato pane ma farina di mais! Per un polpettone bello cicciotto: circa 500 gr di ceci (già lessati o lessateli voi) 1 batata 1 patata piccolina 100 gr di nocciole trito di 1 carota grande e mezzo porro timo, rosmarino, prezzemolo curry, curcuma, pepe sale e un goccio di olio evo solo in superficie farina di mais qb Pelate, sciaquate, tagliate a cubotti e lessateLEGGI TUTTO

In questo periodo vado pazza per i muffin, non prendetevela! Questi sono buonissimi e sono pieni di buone vitamine, tanto per mangiare un dolce e sentirsi meno in colpa, no? La ricetta è: senza lievito senza burro, latte o uova con farina integrale senza nemmeno latte vegetale perché si usa L’ACQUA! li preparate in cinque minuti e poi c’è solo il tempo di cottura Per 12 muffin cicciotti: 12 pirottini di carta e altrettanti stampi da muffin (o solo questi ultimi) 200 g farina integrale 20 g amido di mais 80 g di zucchero integrale di canna 6 g di bicarbonato 1 pizzico di saleLEGGI TUTTO

Delle chips decisamente più leggere e salutari ma sempre sfiziosissime si possono fare in tempo zero con un casino di verdure. Oggi, per smorzare la fame che già incombe, vi propongo quelle di daikon, il ravanellone asiatico che sembra una carota bianca GIGANTESCA, ma ha appunto un sapore molto più simile a quello del rafano, essendolo (una sorta di cren non piccante, non saprei come altro descriverlo, ma comunque un sapore gustoso e per niente aggressivo). Io l’ho scoperto l’anno scorso e mi è subito piaciuto, anche perché si può mangiare in millemila modi, anche crudo grattugiato sulle insalate, bollito, dentro le zuppe, al forno.LEGGI TUTTO

Questa è una chicca che preparerete in pochissimo tempo e che richiede solo tante tante carote e dolcezza. Ho preso spunto da questa ricetta, che ho personalizzato. Per cui vi servono: 5 carote grandi (circa 300 grammi) 300 gr di farina integrale* 100 gr di zucchero di canna* 50 gr di sciroppo d’acero 200 ml di latte di soia 80 gr di olio di riso (o altro olio vegetale insapore) 1 bustina di lievito 1 cucchiaino di bicarbonato 1 pizzico di sale gocce di cioccolato (quante ne volete) Per la copertura: 150 g di cioccolato extra fondente (io ho esagerato con un bell’85%) 2 cucchiaiLEGGI TUTTO

Eccomi, scusate l’assenza, ma sono in ferie, stiamo sistemando casa, ho ridipinto tutti i muri della sala e non ho avuto gran tempo per postare nuove ricette. “Non ce ne frega un cacchio, caccia la ricetta di corsa!”, direte giustamente voi, perciò eccola qui, ok, un attimo di pazienza, per Dio! 😉 Ho seguito la bellissima ricetta dei sempre mitici Vegolosi con qualche piccola personalizzazione ed è uscita magnifica. Ho solo aggiunto un pizzico di cannella e  le mandorle in granella per decorazione, usando poi la maizena al posto della fecola. Ma andiamo per ordine: ecco gli ingredienti. Secchi: farina integrale: 120 g (+ un altroLEGGI TUTTO

È proprio una cremina “cence nuje”, con pochissimi ingredienti ma di sicurissima soddisfazione, da preparare in un lampo (solo da lasciare in frigo un paio d’ore).

Potete prepararla in bicchierini, così è già sporzionata e può essere divorata al cucchiaio.LEGGI TUTTO

Fagioli edamame e pomodori rossi, tanto vi basta. Con questo ho accompagnato il mio “gelato” di cannellini. E con una crema di zucchine allo zenzero morbida e leggerissima.

È un piatto con tante proteine, in più è senza farinacei, senza frumento, senza latticini, vegano e glutenfree.LEGGI TUTTO

Ve lo rivelo: non è proprio un gelato. È una crema fresca e molto compatta, però, che può essere servita in coppetta proprio come un gelato. E quindi l’ho chiamata così. 🙂 È facilissima e si fa in un lampo se prendete una lattina di fagioli cannellini già lessati. I tempi saranno più lunghi invece in caso scegliate i legumi secchi o freschi. Questo piatto può essere un antipastino raffinato e proteico oppure un secondo, accompagnato da tante verdure spadellate o al forno. Inoltre è: vegano senza farinacei senza glutine pieno di proteine e profumi buoni Ingredienti per 2-3 persone una lattina di cannellini bioLEGGI TUTTO

Profumatissimo, questo cuscus, che ha dalla sua anche i grassi buoni buoni delle nocciole. Io uso quello di Altromercato, che è integrale e con i grani belli grossi. Per 4 persone 300 g di cuscus acqua quanto basta per coprirlo tutto (1 dito sopra la superficie) curry e sale grosso 4 zucchine 100 g di nocciole olio evo, sale, pepe, curcuma, pepe, basilico fresco triturato, zenzero fresco, timo   Mettiamo a bollire circa 1 litro d’acqua (ci servirà per il cuscus) Quindi dedichiamoci al sugo. Laviamo e tagliamo in verticale e poi a cubettini regolari le zucchine. Facciamo un leggerissimo soffritto grattugiando dello zenzero frescoLEGGI TUTTO

Io ve lo dico: provate a farli, perché sono facilissimi ma sono anche una cosa esagerata di sapore e cicciosità. È un “dolcetto” vegano di fronte a cui nessuno si tirerà indietro. Perché è proprio delizioso. Ed è proprio “ludro” (friulanismo per dire “buonissimo e zozzone”). 😀 Mi sono ispirata a questa sublime ricetta di Vegolosi, che ho un po’ adattato a modo mio. Non vi serve il forno, ma solo il frigo e l’unica cosa che dovete sciogliere è il cioccolato, a bagnomaria, sul fornello, oppure in microonde. Per una dozzina di Bounty Cocco grattugiato: 150 g 20-30 g di mandorle triturate 2-3 cucchiaiLEGGI TUTTO

  Il nicecream ci farà sentire meno in colpa per aver mangiato gelato, perché in pratica è fatto quasi interamente di frutta. Ok, banana. Ma non è che si può avere un gelato fatto d’aria, no??? Quindi procediamo, perché questo gelatone è buonissimo, anche in sostituzione di un pasto – e pure dopo pasto visto che non ha panna né latticini (e volendo neanche zuccheri). Per 2-3 porzioni vi servono 3 banane tagliate a pezzetti, congelati per almeno 4 ore qualche cucchiaio di latte di mandorle due cucchiai di cacao amaro cioccolato ridotto in scaglie o gocce di cioccolato (mettetelo in freezer per un’oretta primaLEGGI TUTTO

Mi piace tantissimo quando si arriva al ristorante e taaac! appena hai finito di ordinare ti portano un piccolissimo ma sempre delizioso “saluto dalla cucina” o “saluto dello chef”, insomma, quelle microdelizie fuori prorgamma, pronte ad anticiparti la prelibatezze della cena. E chi siamo noi per non salutare, a nostra volta, dalla cucina? Ecco allora che ho pensato a questi bicchierini: ne ho un set di colorati e semitrasparenti, sono quelli classici da amaro/grappa/limoncello e sono perfetti, perché in 2 cucchiaini li avete mangiati. Vi lasciano il desiderio di volerne ancora, freschi e piccantini, ma invece no, basta così, deliziatevi ma ora aspettate la cenaLEGGI TUTTO

Cominciamo dalla fine dell’aperitivo-cena con le amichette. Ossia dal dolce. Siccome ieri il leitmotiv di tutti i piatti è stato il basilico… e che, ti lascio fuori il dessert? Nossignore! Ecco quindi che ho provato a fare una panna cotta vegana al basilico con una dolce marmellata gelée sopra. Con queste dosi mi sono venute 5 dosi. Io ho usato i vasetti da conserva, ma potete usare anche gli stampini tradizionali da panna cotta oppure altri bicchierini. 1 confezione di panna di soia (200 g) 1 confezione di panna di cocco (200 g) 100 g di latte di soia 18 g di maizena un cucchiainoLEGGI TUTTO

È caldo, caldo, caldo, lo sappiamo tutti. Ma non si può mica rinunciare a qualche salutare golosità in padella, no? Tanto più che questa cremina può essere servita e pappata tiepida, così siamo tutti contenti. Inoltre è: senza glutine senza latticini senza farinacei piena di proteine e vitamine Per 4 persone (ma vi avanza anche da stivare in freezer) vi servono: circa 250 g di lenticchie lessate circa 250 g di cannellini lessati 2-3 peperoni grandi gialli e rossi sale, pepe, olio evo zenzero, curcuma, curry, timo una manciata di basilico fresco tritato più qualche foglia intera per decorare i piatti cipolla (opzionale) Se nonLEGGI TUTTO