Serve che a “ciocco-cocco” aggiunga altro? No! … Ma anche sì, dai, solo i fondamentali:

  • che è buonissima
  • che è senza lievito
  • che è senza latticini (nemmeno vegetali)
  • che è vegana
  • che è integrale
  • che ha cacao e cocco, una tra le abbinate più slurpose del pianeta

Procedete così e vi consiglio una teglia piccolina in modo da farla gonfiare di più (io avevo questo cuoricino, vi esce una torta per 6 e più persone senza problemi):

  • 180 g farina integrale
  • 20 g amido di mais (maizena o fecola di patate vanno anche bene)
  • 80/90 g zucchero di canna
  • 35/40 g di cacao
  • 30 g di cocco rapè
  • 8 g di bicarbonato
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  • 70 g d’olio di riso (o altro olio vegetale)
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia homemade (opzionale)
  • 200/220 g di acqua tiepida

Per la copertura:

  • 80 g di cioccolato fondente 70%
  • un cucchiaio di sciroppo d’acero (o di riso o di cocco)
  • un cucchiaio di latte vegetale o di olio di cocco

Per la decorazione:

  • cocco rapè (una manciatina)

wp-15208660783531230307766.jpg

Accendete il forno a 180°.

Mescolate le polveri: farina, amido di mais, cacao, zucchero, cocco, bicarbonato. Quindi aggiungete l’olio, l’aceto, la vaniglia e piano piano l’acqua, mescolando tutto con una frusta. Andateci piano con l’acqua, nel senso: fermatevi quando vedete che ha la consistenza bella cremosa e “tortosa”. Oppure aggiungetene di altra se l’impasto risulta troppo denso – dipende moltissimo dalla farina che usate.

Quindi preparate la vostra tortiera, ungendola (io ho usato un cicinin di olio di cocco) e infarinandola per bene. Distribuiteci dentro l’impasto della torta e infornatela per 35 minuti, controllando che se ci infilate uno stecchino esca bello asciutto.

Una volta levata dal forno, lasciatela raffreddare un po’ prima di sformarla e preparate la copertura. Tritate grossolanamente il cioccolato e fatelo sciogliere a bagnomaria aggiungendo il latte vegetale o l’olio di cocco e lo sciroppo d’acero. Mescolate con costanza finché si forma una bella cremina, che andrete a distribuire sulla superficie della vostra torta. Prima che si solidifichi, spolverizzate con una manciatina di cocco rapè. E via che si mangia!

***

Ieri, 11 marzo, era il compleanno (200!!!) di Monsieur Marius Petipa, che conoscono anche i sassi, ormai, per essere il padre del balletto, l’inventore delle principali coreografie che, da fine ‘800, ci fanno ancora sognare e correre a teatro. Vi propongo qui un bel video che vi riassume un pizzico di quello che ci ha lasciato questo maestro irripetibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.